MotoGp, Bagnaia vince in Austria davanti a Quartararo. Bastianini fuori per un guasto alla moto

Posted on

Una gara, due vincitori. Uno è Bagnaia, al suo 3° successo consecutivo dopo Olanda e Inghilterra, imperiale nel gestire la corsa austriaca dal primo all’ultimo dei 28 giri. L’altro è Quartararo, che col 2° posto di oggi aumenta il vantaggio in classifica su Aleix Espargaro, ma soprattutto perde solo 5 punticini da Pecco (adesso a -44) al termine di una domenica che, circondato in griglia dalle Ducati, sembrava per lui complicatissima: Fabio ha dimostrato di saper esaltare la Yamaha riducendo al minimo i danni in una corsa che ha nuovamente ha celebrato il potere delle Rosse. Dal 2016 le moto di Borgo Panigale hanno vinto 7 degli ultimi 9 gp e con 5 piloti diversi: Iannone, Dovizioso, Lorenzo, Martin e ora Bagnaia.

• Classifica e calendario

Bagnaia a 44 punti da Quartararo: la ricorsa continua

È la quinta volta nella stagione che Pecco taglia per primo il traguardo, contro tre del francese campione del mondo: ma Fabio è stato molto più regolare del piemontese, che continua a pagare un inizio di campionato nervoso e farcito di errori. Mancano 7 appuntamenti alla fine: riuscirà quella rimonta che a giugno sembrava impossibile? Sul podio dello Spielberg oggi è salito anche l’altro pilota ufficiale Ducati, Miller. Bastianini partiva in pole ma ha buttato via una corsa, vittima (e colpevole) di una assurda lotta con Martin, altro ducatista: in palio tra i due c’è il posto di Miller dal 2023, d’accordo. Così però si fa solo il danno dell’azienda italiana. E intanto Quartararo ringrazia.

Perché Bagnaia può ancora vincere il Mondiale di MotoGp

di Massimo Calandri 21 Agosto 2022

Bagnaia, sfinito e felice: “Ho usato il cervello”

“Una gara bellissima ma incredibilmente lunga, non finiva più”, sorride Bagnaia salendo sul podio. Tre successi consecutivi con Ducati: eguagliato il record di Casey Stoner, il Canguro Mannaro. “Ho cercato di usare il cervello: sono partito bene, poi mi sono detto che dovevo restare costante sul giro in modo da allargare il divario dagli altri. Nel finale l’unico pensiero era di restare più calmo possibile, evitare errori: ma sapevo che avrei sofferto negli ultimi 5 giri. La scelta delle gomma morbida davanti forse non è stata la più felice, ma ancora una volta il mio team ha fatto un lavoro incredibile. Non vedo l’ora di correre a Misano, tra due settimane”.

Anche Quartararo festeggia: “Che rischi”

Anche Quartararo è felice: “Tutta una gara al limite, ho rischiato di cadere due volte. Ho corso ogni giro come fosse quello della qualifica: al massimo. Contentissimo del risultato, naturalmente”. Soddisfatto della partenza: “Ma poi ho commesso qualche errore e solo da metà gara ho cominciato a recuperare”. È stato protagonista di uno straordinario sorpasso su Miller alla nuova chicane del Red Bull Ring. “Però perdevo troppo in accelerazione. Se la gara fosse durata ancora un po’, di sicuro potevo avvicinarmi a Pecco: e allora sarebbe stata una bella battaglia…”.

Miller contro Quartararo: “Un sorpasso strano”

Miller, un terzo posto agrodolce: “All’inizio stavo bene e ho passato Bastianini. Avevo più passo di Pecco e volevo superarlo, ma lui ha risposto spingendo a tutta e ha imposto il suo ritmo. A quel punto ho cercato di restargli attaccato, Fabio ha saputo sfruttare quel che mi mancava nella chicane”. Il sorpasso di Quartararo è però fonte di polemica: “Non so come abbia fatto, ma mi è sembrata una manovra tipo quella di Silverstone (quando il francese ha buttato giù Aleix Espargarò, ndr): attenzione, perché quando fai così rischi sempre di mandare l’altro per terra”.

Bastianini, ritiro amaro: “Però Martin…”

In partenza Bagnaia ha bruciato Bastianini, che è riuscito a resistere all’attacco di Miller. Poi Miller e Martin. Al termine del primo giro Vinales si è messo dietro Quartararo e l’altra Aprilia – quella di Aleix Espargarò -: ma il sogno di tante moto italiane a circondare Quartararo è finito presto. Il francese ha approfittato presto dell’elettricità tra Martin e Bastianini, con lo spagnolo che ha attaccato la “Bestia”. “Un sorpasso stupido, anche se poteva starci: però all’inizio si poteva fare un po’ di gioco di squadra. Comunque, sono tornato davanti a lui: stavo controllando la mia gara, ma all’uscita tra la curva 9 e la 10 ho toccato il cordolo col cerchione, danneggiandolo”, ha poi detto il riminese. Che come lo scorso anno, dopo essere andato lungo ha abbandonato al sesto giro.

Marini a un passo dal podio, Aprilia in sofferenza

Aleix Espargarò, reduce dalla frattura al tallone destro, all’inizio si è fatto vedere reattivo ma con passare dei giri ha perso contatto coi migliori. All’arrivo ha abbracciato il suo bambino, sorridendo: col 6° posto finale il suo gap da Quartararo è salito a -32. Anche Vinales ha in qualche modo deluso, chiudendo sul traguardo 13°. Marini è stata invece autore di una gara da incorniciare, chiusa con un bellissimo 4° posto. Zarco nel fine-settimana sembrava avere qualcosa in più degli altri, ma come in altre occasione la domenica ha collezionato una incertezza dietro l’altra: la quinta posizione, a quasi 9 secondi da Bagnaia, non può farlo felice. Nono posto per l’altro pilota del Mooney Vr46, Bezzecchi. Ha preceduto Martin, che all’ultimo giro ha tentato un sorpasso sciagurato su Miller: scivolato, lo spagnolo è tornato in sella ma ha perso un bel po’ di posizioni. A punti anche Di Giannantonio (11°), e Dovizioso (15°). Prossimo appuntamento il 4 settembre a Misano.

Jasaseosmm.com Smm Panel is the best and cheapest smm reseller panel Buy Twitter Verification for instant Instagram likes and followers, Buy Verification Badge, Youtube views and subscribers, TikTok followers, telegram services, and many other smm services. telegram, and many other smm services.