Juventus, Allegri: “Non siamo i favoriti per lo scudetto. Non sono preoccupato dai tanti infortuni”

Posted on

TORINO — “Non siamo noi i favoriti per lo scudetto”, ammette alla fine Allegri, forse per convinzione o forse per strategia, perché magari avverte che la sua Juventus non ha bisogno di illusioni. Difatti ripete spesso concetti di cui in passato non ha mai abusato e che anzi il più delle volte non ha nemmeno sfiorato: “Dobbiamo mantenere l’umiltà, perché bisognerà fare cose straordinarie per recuperare il gap che abbiamo. Ci vogliono cuore, passione, sacrificio. Dobbiamo solo lavorare in silenzio”.

La novità di Allegri: la mozione dei sentimenti

Non sono mai stati nelle sue corde questi richiami al sentimento, allo spirito, al carattere. Per lui la partita di calcio era soprattutto una questione di abilità tecnica, di scaltrezza, di intelligenza, di capacità di interpretare copioni preparati al volo. Questo improvviso cambio di strategia comunicativa sottintende un giudizio sulla squadra che evidentemente non è poi così positivo, se deve ripartire dai concetti base, dallo spirito di gruppo, dalla mozione degli affetti.

Bonucci e Di Maria out. “Ma gli infortuni non mi preoccupano”

La riduzione del gap continua nel lunedì sera di Marassi, a casa della Sampdoria (“Il loro pubblico spinge, ci saranno momenti in cui dovremo difendere bene”), dopo l’esordio positivo con il Sassuolo. Ma rispetto alla prima giornata mancheranno Di Maria e Bonucci, anche loro vittime di problemi muscolari. Allegri, però, nega decisamente che ci sia un’epidemia di infortuni: “Se ne capita uno alla Juve sembra che venga giù il castello delle carte. Di Maria ha avuto un problema all’adduttore, starà fuori 7-10 giorni ma magari torna prima. Su Pogba e McKennie non ci posso fare niente. Szczesny? Tanto abbiamo Perin. Bonucci ha sentito un affaticamento al flessore nel primo tempo contro il Sassuolo, ma avevo già deciso che con la Sampdoria non avrebbe giocato, lo abbiamo gestito. Chi al suo posto? Tiro la monetina, se esce gatto gioca Gatti, se esce cane gioca Rugani. Non sono allarmato, abbiamo lavorato in modo intenso, con tanto caldo”.

L’esordio di Kostic: “Sembra Douglas Costa”

A Marassi esordirà Kostic, di cui Allegri parla benissimo: “È un ragazzo intelligente, la società ha fatto buon acquisto. Deve solo conoscere bene i compagni. È un calciante, crossa molto bene, la palla la fa passare sempre e bisognerà approfittarne. Crossa con una velocità che ricorda molto Douglas Costa. In più è u giocatore di fatica”.

Kostic: “Juve grande club, Vlahovic me lo aveva detto”. Bonucci a rischio per la Sampdoria

di Domenico Marchese 19 Agosto 2022

Rabiot titolare: “Conto su di lui”

Kostic dovrebbe fare l’ala sinistra nel 4-3-3 con Cuadrado a destra. A centrocampo, al fianco di Locatelli ci saranno McKennie e Rabiot: “L’anno scorso ha fatto un’ottima stagione, al di là delle dinamiche di mercato l’ho sempre considerato un giocatore della Juventus. A Genova gioca dall’inizio”. Non è preoccupato per le assenze: “Rispetto al Sassuolo abbiamo Rabiot e Kean. E non è che dobbiamo giocare due partite al giorno: quelli che abbiamo bastano e avanzano”.

Mamma, che pretese: così Veronique Rabiot decide il mercato del figlio Adrien

di Domenico Marchese 18 Agosto 2022

La tattica di Allegri: “Possiamo dominare anche difendendo”

Di sicuro, non c’è ancora traccia dell’identità che Allegri vuole dare alla squadra. Con il Sassuolo ha vinto ma solo dopo aver rinnegato la formazione iniziale e aver rinunciato al possesso palla e all’innalzamento del baricentro. Per essere una squadra che durante l’estate ha “lavorato per dominare le partite”, come aveva detto Locatelli, sembra ancora irrisolta, anche se Allegri la aggiusta così: “Le partite si possono dominare con la palla e senza palla, poi avere il comando anche quando attaccano gli altri”.

Juve, obiettivo minimo: “Più punti dell’anno scorso”

Ai tifosi però interessa specialmente l’obiettivo che la Juventus ha in mente. Per il momento, Allegri ne fissa uno minimalista: “Fare più punti dell’anno scorso”. I favoriti sono altri: “Il Milan è campione in carica, l’Inter si è rinforzata, ma ci sono 8 squadre per il titolo: quattro andranno in Champions, due in Europa League, una in Conference e una starà a guardare. Sarà un campionato avvincente. Noi non possiamo essere i favoriti e non possiamo pensare di vincere facile”.

La Juventus guarda al futuro; in arrivo il baby talento Tommaso Mancini

di Domenico Marchese 19 Agosto 2022

Chiesa fuori dalla lista Champions

Di mercato Allegri non parla perché “fino a fine mese può succedere di tutto e se ne occupa la società”. Di sicuro non sarà Chiesa il rinforzo last minute: “Sarei contento se rientrasse prima della sosta per il Mondiale. Non possiamo sognare, io sono realista e pragmatico: io questo momento non posso fare affidamento su Federico”. Significa che quasi certamente l’ala azzurra non verrà inserita nella lista Champions.

Jasaseosmm.com Smm Panel is the best and cheapest smm reseller panel Buy Twitter Verification for instant Instagram likes and followers, Buy Verification Badge, Youtube views and subscribers, TikTok followers, telegram services, and many other smm services. telegram, and many other smm services.